Bonus Pubblicità 2020 – Recupera il 30% del tuo investimento

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Nel 2018 il Governo Italiano ha attivato un credito di imposta sugli investimenti pubblicitari incrementati, ovvero il cosiddetto “Bonus Pubblicità”.

Con l’epidemia Covid-19 che ha colpito tutto il mondo e in cui l’Italia si è trovata fra i paesi che hanno sofferto maggiormente, al decreto “Bonus Pubblicità” del 2018 sono state apportate alcune modifiche, nel marzo 2020, per supportare le piccole, medie, grandi imprese ma anche i lavoratori autonomi e gli enti non commerciali sull’investimento nella pubblicità, a scopo quindi di incentivare gli investimenti in questo settore.

Bonus Pubblicità 2018: cosa prevedeva

Nel D.L. del 28 Giugno 2019 n. 59, il bonus pubblicità preveda un risarcimento delle spese pari al 75% della spesa incrementale sostenuta, con un differenziale minimo dall’anno precedente almeno dell’1%.

Ovvero, se prendiamo in esempio una media impresa che nell’anno precedente aveva sostenuto una spesa pubblicitaria di 12.000 euro, per poter usufruire del Bonus Pubblicità doveva incrementare il suo investimento almeno dell’1%, quindi di almeno 12.120 euro. In questo caso il rimborso a cui avrebbe potuto ambire sarebbe stato di 90 euro, poiché il 75% di 120 euro ammonta appunto a 90 euro.

Inoltre per richiedere l’agevolazione era necessario presentare un preventivo di spesa all’Agenzia delle Entrate dal 1° al 31 marzo dell’anno di competenza.

Oggi questo è cambiato.

Bonus Pubblicità 2020: cosa prevede

Le modifiche che sono state apportate il 16 marzo 2020 al D.L. “Cura Italia” prevedono, a differenza di quello precedente, un rimborso del 30% sul totale dell’investimento, ovvero secondo l’esempio riportato sopra, se l’investimento è stato pari a 12.000, sempre però incrementato almeno dell’1% dall’anno scorso, il rimborso sarebbe di 3.600, poiché il rimborso non sarebbe solo sulla % aggiunta dall’anno precedente, ma sull’intera cifra investita.

Esiste però un limite di spesa su cui è possibile richiedere il rimborso, che risale a 27,5 milioni di euro, stabilito ai sensi del comma 3 dell’articolo 57-bis.

Inoltre le domande possono essere presentate dal 1° al 30 settembre 2020. Restano comunque valide le domande già presentate tra il 1° e il 31 marzo 2020.

Chi può usufruire del bonus pubblicità

  • Le piccole, medie, grandi imprese
  • Gli enti non commerciali
  • I lavoratori autonomi

Forme di pubblicità che possono beneficiarne

  • Giornali digitali e cartacei
  • Online
  • TV
  • Radio

Attenzione però, perché per queste forme di pubblicità appena elencate possono usufruire del bonus solo se iscritte presso il menzionato Registro degli operatori di comunicazione (ROC), e dotati in ogni caso della figura del direttore responsabile.

Forme di pubblicità che non possono usufruirne

Grafica pubblicitaria su:

  • Cartelloni fisici
  • Vetture o apparecchiature
  • Volantini cartacei periodici
  • Cartellonistica
  • Mediante affissioni e display
  • Schermi di sale cinematografiche

Mentre per quanto riguarda il mondo digitale non beneficiano del bonus:

  • Attività promozionali su social e piattaforme online
  • Banner pubblicitari su portali online.

Come richiedere il Bonus Pubblicità

Le aziende e i professionisti potranno fare richiesta accedendo ai servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate.

Per richiedere il Bonus pubblicità sono previsti 3 step:

  1. Scaricare il documento di “Comunicazione per l’accesso al credito d’imposta” previsto dall’art. 5, comma 1, del DPCM n. 90 del 2018, il quale illustra i dati degli investimenti pubblicitari, già realizzati o da realizzare nell’anno di riferimento per il quale appunto si chiede di usufruire dell’agevolazione.
  2. Successivamente sarà necessario inviare – nell’anno successivo a quello per cui si richiede l’agevolazione – la “Dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati” ai sensi dell’art. 47 del dicembre 2000, n. 445, dove appunto si attesterà l’effettiva realizzazione degli investimenti che soddisfano i requisiti richiesti dall’art. 3 del DPCM n. 90 del 2018.
  3. A questo punto bisognerà aspettare la pubblicazione sul sito del Dipartimento dei soggetti idonei a usufruire del Bonus Pubblicità. Se si sarà presenti nell’elenco si potrà usufruire del credito d’imposta dopo il 5° giorno lavorativo successivo alla pubblicazione del provvedimento di ammissione, solo in compensazione con il modello F24, che dovrà essere presentato attraverso i canali online dell’Agenzia delle entrate.

Vuoi ricevere maggiori informazioni sul Bonus Pubblicità 2020?

Compila il form a questo link e verrai ricontattato al più presto.

Guglielmo Carfagnini

Guglielmo Carfagnini

Lascia un commento